Le nuove sfide competitive per le consegne [dell’ultimo miglio]

Le nuove sfide competitive per le consegne [dell’ultimo miglio]

Le consegne “ultimo miglio” sono il tema caldo di questo periodo storico. Tema che tocca trasversalmente E-commerce , vendite e logistica così come il mercato tradizionale e i mercati moderni. Le innovazioni che stanno arrivato modificheranno lo scenario, le aziende sono pronte?

 

La società di consulenza KPMG prevede che nel 2030 ci sarà un nuovo segmento di servizi di “mobilità” con un giro d’affari di oltre un trilione di dollari. Questa è la Le nuove sfide competitive per le consegne dell'ultimo migliostima del mercato di prodotti e servizi legati all’autonomia, alla mobilità e alla connettività.  KPMG ha anche effettuato una ricerca su quasi 1.000 dirigenti delle principali società automobilistiche a livello globale, questa ricerca stata chiamata “Global Automotive Executive Study 2017 ” e il 76% sostiene che ogni veicolo connesso genererà gli stessi ricavi di dieci veicoli tradizionali. Al centro di questa rivoluzione ci sono :

  • Gli strumenti di intelligenza artificiale(AI) e apprendimento di modelli comportamentali (deep learing):
  • I sensori che permettono di “vedere” i camion, i furgoni o le attrezzature di movimentazione dei materiali;
  • I super-computer di bordo che consentiranno ai mezzi di diventare autonomi;
  • La Connettività “over-the-air” praticamente ovunque;
  • E [ovviamente] lo sviluppo di quei business che  permettono a queste tecnologie di creare valore.

Anche se in sordina, stiamo cominciando a vedere i primi impatti di queste tecnologie nei settori e-commerce e distribuzione: Uber  in USA ha una auto pronta e  disponibile entro 10 minuti dalla richiesta (nel il 67% della popolazione USA).  Amazon ha lanciato la sua applicazione Amazon Flex, che prevede la consegna di pacchi nell’ultimo miglio da parte dei privati cittadini, come se fosse un servizio di trasporto on-demand. Sempre Amazon ha intenzione di modificare radicalmente il costo delle consegne  e incrementando comunque il “same-day delivery”: questo sarà reso possibile grazie ad un coordinamento e una sincronizzazione di un’enorme quantità di centri di distribuzione regionali e una flotta ,sempre crescente, di navi merci e camion. 

Consegne Predittive:  addio corriere espresso e addio negozio dietro l’angolo?

I big player dell’ecommerce come Amazone  e Wallmart.com , grazie alla crescente quantità di informazioni e al miglioramento delle capacità di analisi dei dati, e grazie ai progressi riguardo alla gestione dei big data e allo sviluppo dell’intelligenza artificiale, potranno comprendere e analizzare le modalità d’ordine dei clienti così da prevedere la domanda molto meglio di oggi e investire in software di gestione logistica che ribaltano i paradigmi delle attuali modalità di approvvigionamento, arrivando ad rifornire il deposito locale con il prodotto, che sta-per-esser-ordinato, subito prima dell’ordine stesso.

Questo potrebbe generare progressivo abbandono del corriere espresso, come lo conosciamo oggi, perchè gli e-commeConsegne Predittive: addio corriere espresso e addio negozio dietro l'angolo?rce saranno in grado di soddisfare in modo piu’ economico e rapido le richieste dei clienti direttamente dai magazzini dislocati sul territorio e aver meno bisogno dei servizi espresso   (servizi che oggi sono i servizi a valore aggiunto dei  corrieri), ma usufruiranno di corrieri per consegne locali (dove la concorrenza è maggiore).

La tecnologia emergente offre “potenzialmente”   modelli di business alternativi nel trasporto corrieristico e crea nuovi modelli di business anche in altri settori. Infatti, non solo i player del trasporto come DHL, FedEx e UPS devono essere attenti al cambiamento, ma anche chi gestisce la vendita al dettaglio perché il dilagare del “same-day delivery ”  potrebbe essere una chiave per un cambiamento epocale.  Con i  prodotti che potranno essere ordinati la mattina e consegnati nel pomeriggio, o comunque dopo poche ore, i volumi delle vendite al dettaglio tradizionali potranno subire un tracollo. E soprattutto, grazie all’approvvigionamento predittivo, l’e-commerce avrà il prodotto disponibile nel magazzino più’ vicino,e soprattutto,  da offrire al prezzo più’ basso: infatti le economie di scala ed risparmi sulle locazioni degli e-commerce potrebbero generare dei problemi di volumi di vendita ai dettaglianti.

Camion self-drive e camion in carovana

Nel trasporto a lungo raggio il “potenziale” cambiamento può essere economicamente rilevante. I primi progetti di Daimler, Otto (comprata da Uber) e altri hanno dimostrato su strada la fattibilità del funzionamento dei mezzi pesanti con guida autonoma e offrono il potenziale per aumentare di quattro o sei ore al giorno l’operatività dei mezzi. Questo aumenta di circa il 40% la produttività dei mezzi pesanti, a parità di costi.Le nuove sfide competitive per le consegne dell'ultimo miglio

Inoltre gli esperimenti di  “Platooning” , di carovana di camion viaggianti, da parte di  aziende(come la Peloton), stanno dando risultati interessanti a livello di risparmio di carburante. Gli studi parlano di un risparmio tra il 7% e il 14% . Questo avviene attraverso la comunicazione veicolo-veicoli che permette ai convogli multi-camion di ottimizzare le scie e (in un futuro) di guidare i camion servendosi di controlli remoti posizionati su un solo automezzo. Il passaggio sarà breve per un “Platooning a guida autonoma”. Un solo autista Il computer potrà guidare piu’ mezzi. Queste sono leve gigantesche per la redditività: si abbattono i salari del conducente e si ottimizza il costo del carburante e questi costi oggi rappresentano circa il 65% del costo vivo del trasporto.

 

 

Consumatori moderni: destinatari 2.0

Non è solo la tecnologia che sta cambiando, cambiano i consumatori. Si adattano e rispondono, sempre di più, a questi nuovi modelli di riferimento. Si crea un circolo virtuoso dove lo sviluppo e l’adozione di queste tecnologie crea una rapida evoluzione dei comportamenti dei consumatori .Comportamenti, che a loro volta, scatenano nuovi sviluppi di tecnologie da adottare.

La crescente aspettativa di “consegna gratuita” e/o a bassissimo costo e la volontà di acquistare online  creano presupposti per nuovi meccanismi di consegna. Facendo un parallelo, con altri settori e guardando alla “sharing economy”:  si dorme in case di estranei (AirBNB)e si viaggia in auto di estranei (Uber,BLABLACAR) mi aspetto che…  si permetterà ad estranei di entrare nella in casa per consegnare pacchi, quando non ci siamo. (e Amazon ci sta già pensando)

Prepariamoci al cambiamento

Il cambiamento è inevitabile. Sta arrivando nella vendita al dettaglio, nei prodotti di consumo, nella logistica e nel trasporto.

Chi si adatterà per primo al cambiamento, Consumatori moderni: destinatari 2.0per primo godrà sia di vantaggi economici , sia avendo minor costi, sia aumentando il  fatturato. Il successo e (quindi la sopravvivenza delle aziende) richiede, da parte degli imprenditori e manager, una chiara visione di dove il mercato si sta dirigendo. Per questo motivo vanno fatte riflessioni profonde sulle modifiche che mercato subirà:

  • nella domanda;
  • nelle organizzazione del lavoro;
  •  nelle capacità di gestione dei nuovi strumenti;
  • nelle  tecnologie adottate in altri settori che portano conseguenze nel proprio;
  • nelle nuove tecnologie che stanno arrivando e il loro impatto in azienda.

Queste riflessioni sono fondamentali per comprendere, e forse anticipare, i nuovi modelli di business che si creeranno per farsi trovare preparati al cambiamento.

 

Adattamento: http://www.industryweek.com/

 

Commenti