le aziende logistiche Inglesi non erano preparate alle BREXIT

le aziende logistiche Inglesi non erano preparate alle BREXIT

Un sondaggio dice le aziende di logistica non erano preparate alla BREXIT. Meno di una su cinque aveva un piano post-Brexit nel caso in cui il Regno Unito avesse votato per lasciare l’Unione Europea.

Il responsabile della associazione inglese dell’autotrasporto, Richard Burnett, ha descritto il risultato referendario come il “terremoto momento”. le aziende logistiche Inglesi non erano preparate alle BREXIT

Il sondaggio trimestrale, che viene svolto su un campione di 320 responsabili area logistica,  a riguardo delle tendenze di mercato ha rilevato che l’81,6 %  ha dichiarato di  non avere alcun piano circa la BREXIT, nonostante il fatto che il 52,2 % ha detto che un’uscita del Regno Unito avrebbe avuto un impatto importante sulla loro attività.

L’indagine in questione (il secondo trimestre del 2016) è stata condotta in due settimane a cavallo fino al referendum.

Il sondaggio chiedeva anche quali fossero le preoccupazioni principali se il Regno Unito avesse lasciato l’Unione europea. Il 71% ha evidenziato l’instabilità economicai, mentre il 56 % ha detto che le preoccupazioni sarebbero venute dalla variabile cambio-valuta. Piu’ della metà (52%)  erano preoccupati per l’impatto sulle accordi commerciali con il resto d”Europa. E il 17 per cento ha anche sottolineato potrebbe essere un problema l’eventuale riduzione dei lavoratori immigrati .

L’associazione dei trasportatori Inglese(FTA) ha sottolineato che l’uscita dalla UE potrà creare anche nuovi costi come limitazioni, Burocrazia  e  blocchi imposti sulla circolazione di merci dentro e fuori l’Europa. E ha chiesto al governo di dare priorità accordi riguardanti il trasporto internazionale di merci per ridurre al minimo la legislazione supplementare, mantenendo i costi più bassi possibile per le imprese nel Regno Unito.

“Anche se stiamo uscendo dall’Europa politicamente,l’Europa rimane il mercato di esportazione più grande ed un importantissimo importatore ” ha detto il capo FTA esecutivo David Wells. “Non possiamo permettere nuovi oneri burocratici che ostacolino le esportazioni dei nostri clienti e che ostacolino le merci importate destinate a consumatori britannici.” – ha aggiunto anche “Il governo ha due anni per garantire le condizioni imposte per altri stati non membri dell’UE come l’Albania e la Serbia non siano imposte ai flussi di merci del Regno Unito. Norvegia e Svizzera hanno stretto accordi migliori ma hanno anche accettato condizioni difficili, come la libera circolazione delle persone, penso che questa sarà una trattativa difficile “.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.